lunedì 27 febbraio 2012

Immigrare in Canada (le ultime notizie)


Arriva o se ne va? (Stefano)
Oggi su La Presse è stato pubblicato un articolo dedicato ai tempi e alle attese per l'ottenimento dei visti di residenza. Ho pensato che, pur se in francese, valesse la pena di condividere con voi le notizie, ahimè, non entusiasmanti.
Cliccando sul nome del giornalista, avrete il collegamento diretto con l'articolo.

Anabelle Nicoud
La Presse 27 fev 2012

Plus que jamais, les candidats à l'immigration doivent s'armer de patience avant d'obtenir le feu vert pour s'installer au Canada. Les délais de traitement des demandes de résidence permanente s'étirent de 15 à 63 mois. Quatre ans après la mise en route du plan conservateur pour accélérer l'immigration, les effets peinent à se faire sentir, même si les candidats sont de moins en moins nombreux.

En 2011, les dossiers des candidats à la résidence permanente dans les catégories familiale et humanitaire ont été traités en 21 et 33 mois en moyenne, indiquent des données de Citoyenneté et Immigration Canada (CIC). C'est plus long qu'il y a trois ans.

Ces temps de traitement sont aussi plus longs que celui des candidats à la résidence permanente de la catégorie économique: en moyenne, leurs dossiers ont été traités en 27 mois en 2011. En 2007, le délai était de... 63 mois.

En revanche, chaque sous-catégorie de candidats à la résidence permanente économique a vu son temps d'attente augmenter au cours des dernières années.

Avec les amendements à la Loi sur l'immigration adoptés en juin 2008, le gouvernement fédéral avait pourtant promis de réduire les délais de traitement des demandes de résidence permanente d'ordre économique, notamment celles de «travailleurs qualifiés», dont le profil est particulièrement recherché au Canada.

«C'est un échec. On l'avait dit à l'époque, et on le redit aujourd'hui», estime la députée néo-démocrate Olivia Chow.

Les demandes de résidence permanente de ces «travailleurs qualifiés» sont traitées de plus en plus lentement: de 8 mois en 2008 à 17 mois en 2010, le délai est passé à 20 mois en 2011.

Dans la catégorie de «l'expérience canadienne», créée elle aussi en 2008 pour les étrangers qui ont reçu un diplôme au Canada ainsi que les détenteurs d'un permis de travail temporaire, les délais sont passés de 1 mois, en 2008, à 11 en 2010 et à 15 en 2011.

En fait, seuls les demandeurs classés parmi les «gens d'affaires» ont vu leurs délais de traitement être réduits considérablement: en 2011, ils n'attendaient plus 63 mois comme en 2008 pour leur résidence permanente, mais 49 mois.

«On entend souvent dire qu'il faudrait mieux cibler les immigrés avec les besoins du marché du travail. Mais ça n'a aucun sens, avec des délais de traitement qui prennent plusieurs années. Si un employeur a besoin de soudeurs ou d'ingénieurs, il ne peut pas se fier au système d'immigration», dit Stéphane Reichhold, de la Table de concertation des organismes au service des personnes réfugiées et immigrantes.

Résultat: les employeurs comme les candidats se tournent de plus en plus vers les programmes de résidence temporaire. Mais même pour ce type de permis, les délais de traitement des demandes ont grimpé au cours des dernières années (11 semaines de traitement en 2010 pour un permis de travail contre 16 en 2011).

Ainsi, si le nombre de demandes de résidence permanente, toutes catégories confondues, a diminué au cours des deux dernières années, le nombre de demandes de résidence temporaire a explosé.

Immigration Canada souligne toutefois que l'amélioration est palpable, derrière les délais de traitement des demandes de résidence permanente dans les catégories économiques: ces nouvelles catégories ont en effet créé un appel d'air lors de leur création.

«Tous les délais ont augmenté dans les catégories individuelles. Mais on a traité plus de dossiers soumis dans les nouvelles catégories [travailleurs qualifiés, expérience canadienne], explique Rémi Larivière, porte-parole de CIC. On traite moins de cas qui prennent 60 mois, et plus qui prennent 15 mois.»

Mais pour les fonctionnaires de CIC, la raison de ces retards est simple: le manque d'effectifs, imposé par les compressions budgétaires des conservateurs.

«Si mon équipe passe de 10 à 7 personnes, est-ce que je vais vraiment faire le même volume? Si oui, c'est que je le fais mal, et que je vais laisser entrer des gens qui ne le devraient pas», explique un proche de l'Alliance canadienne de la fonction publique (ACFP).

Selon notre interlocuteur, l'enveloppe allouée à CIC devrait encore rétrécir dans le prochain budget fédéral.

«Le gouvernement veut rendre ces démarches plus efficaces. Et dans une certaine mesure, c'est vrai. Mais pour nous, c'est une vraie préoccupation. Il n'y a aucune création de postes et le gouvernement essaie de réduire le nombre de postes permanents.»

Pourtant, dans les chiffres fournis par CIC, le nombre de ces employés, permanents ou non, est plutôt à la hausse depuis 2007. Il est passé de près de 3800 à 4500.

Particulièrement préoccupé par le sort des demandeurs de résidence permanente pour les catégories humanitaire et familiale, le Nouveau Parti démocratique croit aussi que le système d'immigration pourrait être désengorgé si les bureaux de CIC, notamment à l'étranger, avaient plus de personnel.

Sadia Groguhé, députée néo-démocrate de Saint-Lambert, regrette que certaines demandes de renseignement exigées par CIC alourdissent inutilement le processus des demandeurs des catégories humanitaire et familiale.

«L'immigration a un volet humain et, dans tous les cas, ces délais ont des conséquences dévastatrices sur les familles. On voit beaucoup de détresse émotionnelle. Ça brise des familles et on constate aussi un appauvrissement des familles et des ménages, dit-elle. On fait venir ici des personnes vaillantes pour aider le développement économique et, au final, elles sont dans l'incapacité de s'investir pleinement.»

Avec William Leclerc
***
Lexique de l'immigration
Résidence permanente

La résidence permanente donne le droit à un immigré de vivre, de travailler et de bénéficier des avantages sociaux du Canada, et ce, sans durée limitée. Seuls les résidents permanents peuvent demander la citoyenneté canadienne. Une demande de résidence permanente peut se faire à CIC au Canada ou dans les bureaux de CIC à l'étranger. Les candidats déposent leur dossier dans l'une des trois catégories: économique, notamment s'ils sont des travailleurs qualifiés, des investisseurs ou des diplômés d'une université canadienne; familiale, s'ils sont parrainés par un enfant, un conjoint, un parent ou un membre de leur famille; humanitaire, s'ils ont obtenu l'asile ou si les autorités considèrent qu'ils doivent conserver leur résidence pour des motifs «humanitaires».

Les personnes qui désirent s'installer au Québec doivent, avant de soumettre leur dossier au fédéral, obtenir l'aval de Québec.

Demandeurs d'asile
Personnes qui demandent la protection du Canada. Ces demandes sont traitées à la Commission de l'immigration et du statut de réfugié puis à la Section de la protection des réfugiés. Les réfugiés sont les personnes à qui le Canada a accordé l'asile.

Résidences temporaires
Les détenteurs d'un permis d'étude ou de travail ont le droit d'étudier ou de travailler au Canada pour une durée limitée.

***

Délais de traitement en mois pour les demandes de résidence permanente faites de l'étranger
Pour chaque délai indiqué, 80% des demandes ont été traitées à l'intérieur de ce délai

TRAVAILLEURS QUALIFIÉS (amendements de 2008, demandes reçues après novembre 2008)
2008 8 mois
2009 16 mois
2010 17 mois
Janvier à septembre 2011 20 mois

EXPÉRIENCE CANADIENNE (amendements de 2008)
2008 1 mois
2009 6 mois
2010 11 mois
Janvier à septembre 2011 15 mois

GENS D'AFFAIRES
2007 63 mois
2008 63 mois
2009 50 mois
2010 43 mois
Janvier à septembre 2011 49 mois

CATÉGORIE FAMILIALE
2007 11 mois
2008 13 mois
2009 16 mois
2010 19 mois
Janvier à septembre 2011 21 mois
Tous les chiffres ci-dessus ont été fournis par Citoyenneté et Immigration Canada (CIC).

DÉLAI DE TRAITEMENT MOYEN DE LA SPR (EN MOIS) (chiffres fournis par la CISR)
2000 9,6
2001 10,1
2002 11,9
2003 14
2004 13,9
2005 12,7
2006 11,9
2007 13,7
2008 15,8
2009 18,4
2010 21,8
2011 20,8

NOMBRE DE COMMISSAIRES ET FONCTIONNAIRES DE LA SPR (chiffres disponibles depuis 2004)
2004 188
2005 143
2006 108
2007 79
2008 89
2009 107
2010 129
2011 125

16 commenti:

  1. Confermo infatti che noi del 2009 ( non inteso come anno di nascita :-) ) abbiamo aspettato il doppio che quelli del 2008 .

    Certo che se la richiesta aumenta , e di condeguenza entrano i soldi delle domande nelle varie sedi del BIQ e del CIC , sarebbe opportuno che il governo aumentasse i fondi stanziati per permettere l'assunzione di personale .

    Pensa quel filibustiere di dottore di Milano ( tra l'altro Interista !!! ) quanti Rolex si potrebbe comprare !!!

    RispondiElimina
  2. Noi abbiamo fatto la domanda a settembre 2007 e avuto il visto ad agosto 2009. Nel frattempo pero' e' nata Maia e quindi abbiamo dovuto mandare documenti extra; non so se e quanto abbiano influito sui tempi finali. Ma ritengo che 2 anni sia un tempo congruo per dare il tempo di meditare sulla scelta fatta mentre si ha mezo piede gia' dentro. Ovviamente se la richiesta si fa in emergenza (tipo: si ha gia' un lavoro o un compagno/a che aspetta, o sta bruciando la casa, o in tv c'e' Celentano o stanno montando un pilone della TAV davanti al garage) le cose cambiano, nel senso che i due anni di meditazione non sono considerati come un'attesa congrua.
    Gianlapalisse

    RispondiElimina
  3. Consigli per una gita fuori porta primaverile:
    http://www.erablierecharbonneau.qc.ca/fr/index.html?a=1
    posto carino, cibo in quantità sovrumane ma di buona qualità, "nonostante" tutto sia a base o con aroma di erable.

    RispondiElimina
  4. Ma che bella giornata di sole ...ieri mi dicevano che la neve di marzo é chiamata la neve zuccherata ; ovvero la neve che porta via la vecchia e che propizia la produzione del succo d'acero .
    Vuoi vedere che piano piano l'inverno si allontana ?
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  5. Non so se avete letto le ultime notizie di cronaca a Montreal. Qualche giorno fa è avvenuto un crollo nel parcheggio sotterraneo dell' area olimpica. L'area olimpica (stiamo parlando delle olimpiadi di Montreal, quelle di Nadia Comaneci tanto per ricordare) è costata a Montreal una cifra spropositata con scandali, sindacati, furti, debiti, disastri e polemiche ancora oggi molto virulente. Al centro di tutto le "mazzette" delle imprese di costruzione italo-canadesi che sono sempre in piena attualità per corruzione, evasioni e frodi fiscali, tangenti, insomma il Sistema Regione Lombardia.
    Eccoci a oggi quando la Broccolini Construction fa crollare il soffitto del parcheggio sotterraneo durante i lavori di dell'ampliamento dello stadio di calcio della squadra di Montreal, di proprietà della Famiglia Saputo. Siamo sempre i numeri uno. Un'altra prova del Made in Italy apprezzato nel Mondo.

    RispondiElimina
  6. Ciao a tutti, ho bisogno di alcuni chiarimenti per la compilazione del CSQ, o meglio per gli allegati. Bisogna allegare i diplomi solo dalle superiori in poi? Quindi quelli delle medie no? E poi, cosa sono "Relevés de notes correspondant aux diplomes (non trovo l'accento per la o) présentés"?
    Inoltre c'è un altro problema che voi non avete avuto. Da qualche mese le Amministrazioni Pubbliche non rilasciamo più certificati ma il cittadino può fare autodichiarazioni su tutto (cd. smellimento della PA). Ora mi chiedo: secondo me il BIC non me li accetta. Io spero che, piuttosto pagando qualche decina di bolli, mi rilascino i certificati di cui ho bisogno (certificati di nascita, matrimonio e stato di famiglia).
    @Davide: ma quando avviene precisamente la produzione dello sciroppo d'acero?

    RispondiElimina
  7. @nadia
    in questo periodo , ovvero quando di notte siamo sotto zero e di giorno sopra...lo zero .
    Relev de note=voto finale esame che è indicato sul diploma .

    RispondiElimina
  8. @Davide: Grazie!!!!

    RispondiElimina
  9. Quando c'e' da esaltare i valori italiani, io sono sempre in prima fila. Ultimamente pero', attraversando un periodo nel quale mi sono stancato di sdegnarmi per cio' che accade nell'isola e nella penisoladimmerda, la mia preoccupazione va a come il partito di governo federale sta gestendo lo scandalo delle robocall. L'accusa, avanzata dall'opposizione liberale, e' che i conservatori abbiano contattato telefonicamente potenziali elettori liberali. Questi contatti sarebbero stati fatti da un telefonista automatico, che comunicava agli elettori indirizzi sbagliati dei seggi elettorali. Come si difende il primo ministro federale? Attaccando i suoi oppositori politici, anzicche' fornendo appoggio alla polizia che sta indagando.
    Questa arroganza alla Sarkozy-Putin-Bush-Berlusconi mi preoccupa. NOn voglio che il mio paese d'adozione diventi come un qualsiasi altro paese governato dalla destra spocchiosa e autoritaria.
    Altro argomento: Lorenzo ha portato una nota a casa, da scuola. C'e' scritto che si e' comportato male, e' descritta l'azione, il valore/regola violato, i miglioramenti da apportare, i passi successivi. Praticamente, quando fanno un rapporto scrivono un report. MI piace.
    Ultimo argomento: ultimamente sto facendo un asbestos survey nelle scuole di Toronto, per conto della ditta per la quale lavoro. L'amianto nelle scuole vecchie e' ovunque, e, in quelle vecchissime, anche le feci di topo nei locali caldaie e negli altri di scarso accesso. Le scuole sono vissute anche di pomeriggio: teatro, piscina, palestre, falegnamerie. La nota postivia e' che ogni 4 anni hanno il budget per questi controlli e la rimozione delle parti piu pericolose. Nel frattempo a me e' venuta una brutta tosse ... D'altra parte Asbestos e' una citta quebeccana ....

    RispondiElimina
  10. Il sistema dei report e dei premi non mi piace molto , se da un lato si premia il migliore , dall'altro si stressa mentalmente il bambino che "capisce" ben presto che il mondo è fatto di bravi e...di tutti gli altri .
    Mi raccontava proprio domenica una amica italiana con marito quebecois dei problemi che sta riscontrando con questi "premi" e medaglie di cartone che vengono date nella prematernelle di suo figlio . Durante la giornata i bambini devono seguire e rispettare tutta una serie di regoluccie , come premio ricevono ogni volta un sassolino e chi arriva a 10 ha un premio . Nel suo caso è quasi sempre un bambino che viene anche lodato pubblicamente dalla maestra a discapito degli altri bambini . Mi raccontava che addirittura in una occasione questo bambino era arrivato a "solo" 7 sassolini , ma la maestra apertamente ha detto alla classe che avrebbe dato lo stesso il premio al bambino perchè lui era il migliore . Il premio è sempre lo stesso , tu vai a giocare e gli altri no !
    Morale , la maestra è convinta di fare bene e non recare danno a nessuno , in realtà ha dimostrato che malgrado avesse messo delle regole , lei stessa le infrangeva a discapito di uno . Tutti i premi sono scritti su un libro che i bambini consultano ...da li viene a crearsi la pura competizione . Ricordiamoci che stiamo parlando di bambini di 5 anni .
    Dal mio punto di vista viene insegnato ai bambini già da piccoli ad essere competitivi e rivali , invece di insegnargli a collaborare ed aiutarsi .
    Perchè devono esserci bambini di 5 anni che giocano e bambini che non giocano?

    Forse ci vorrebbe più attenzione e dialogo con i genitori per capire le conseguenze di questi metodi una volta usciti da scuola .

    RispondiElimina
  11. Davide,

    Non so tu, ma io la conseguenza di questi metodi la vedo tutti i giorni al lavoro (Nova Scotia), estrema competitivita' fra colleghi, poca voglia di lavorare in team e di collaborare, puo' darsi che io sia stato sfortunato ma non credo perche' mia moglie in un ambito totalmente diverso (universitario) sta sperimentando la stessa cosa...
    Marco

    RispondiElimina
  12. Ma ragazzi, questa é la vita normale di tutti i giorni in una società capitalista, moderna e libertaria. Ditemi voi se nel vostro lavoro non avete mai detto: "Eh ma qui si muovono poco, non sanno lavorare, non vogliono migliorarsi, io mi sbatto per tutti e questi non tirano la carretta, ecc.ecc.". Come credete che si migliori, si progredisca, si punti al meglio? Lavorando in team tutti felici senza ambizione e competizione (sane e corrette, intendo)? Ma no, anche nei team ci sono i capitani, i Roberto Baggio, i portatori d'acqua e i leader, é così che funziona. E su cosa pensate si basi la meritocrazia? Sui concorsi, sui punti, sulle pubblicazioni, sul proprio nome in evidenza, sul riconoscimento del lavoro, sul successo ebbene sì. Certo ogni eccesso é una aberrazione, ma questo vale in tutti gli aspetti della vita, anche nell'essere posapiano. Farsi le scarpe l'uno con l'altro, essere disonesti, approfittare delle debolezze altrui é disonesto. Ma cercare di emergere, essere felici di essere premiati, di vincere, di superare un proprio limite é l'anima del progresso, dell'autostima e del contributo alla crescita. É giusto tenere Messi in panchina per fare giocare Legrottaglie, perché anche lui sia felice? Certo per uno che vince ce ne sono tanti che perdono, ma dipende sempre dalla gara e dallo modo di vincere e di perdere. Ditemi voi dove avete visto un mondo di gente che collabora felicemente, che condivide successi e sconfitte, che aspetta il più debole e che aiuta il più dotato, che antepone il successo del gruppo al successo personale, che accetta di perdere serenamente e che gioisce delle vittorie altrui e poi ditemi anche cosa fumavate! Io sono così, competitivo anche se perdente! Gianfrancesco

    RispondiElimina
  13. Concordo al 100% , il solo problema che tutte queste parole non le puoi applicare ad una classe di bambini di 5 anni . Non esageriamo .
    Ci sarà tempo tutta la vita per mettersi in competizione e sputtanare il collega che non fa il suo lavoro , ma a 5 anni non farmi credere che sia giusto fare distinzione tra bambini che eccellono perché stanno seduti immobili , non parlano , disegnano perfettamente , non corrono per la classe . Cosa stiamo cercando un'altra razza ariana ? Chi a 5 anni non é al passo lo facciamo crescere facendogli capire che é un fallito ? Io non mi sento di condividere questo metodo di insegnamento , non a quell'età . Sarà forse un caso estremo quello che racconto , ma di queste piccole notizie ne sento molte .
    Comunque , per la cronaca , il lavoro di gruppo , così come il sociale , sono delle realtà qui in Québec . Nulla impedisce a nessuno di essere ambizioso e di fare carriera , questo però é un atteggiamento "positivo e propositivo" che si assimila negli anni prendendo sicurezza dei propri mezzi ed anche esponendosi in prima persona .
    Pace fratelli !

    RispondiElimina
  14. Ciao ragazzi,
    dó lezioni di francese,tra l'altro, qui in Colombia a locali che stanno facendo il processo d'immigrazione a Québec.I tempi d'attesa in effetti si sono allungati parecchio,dai 6 mesi per l'intervista(colloquio) che si aspettavano nel 2008-09 si é passati a quasi un anno e mezzo...gente che ha presentato i documenti nella primavera del 2011,non é ancora stata chiamata per il giro d'interviste che attualmente stanno facendo a Bogotá,gli ufficiali incaricati...Su youtube,forse lo conoscete giá, ho trovato un documentario interessante "Immigration Québéc" in 20 capitoli.Narra la storia di una famiglia marocchina trasferitasi a Montréal.Vi metto il link.
    A presto !

    http://www.youtube.com/watch?v=ljJUYJ03x6c&feature=results_video&playnext=1&list=PL014DA087D912764A

    RispondiElimina
  15. Ma nel caso una ditta ti voglia sponsorizzare, dite che ce da aspettare tutti quei mesi?
    A settembre inizio con mandare cv e speravo di essere a Montreal per febbraio al massimo.

    RispondiElimina
  16. Marco c'é da aspettare comunque tanto. La ditta che ti sponsorizza é una cosa, la ditta che ti espatria e che domanda per te un permesso di lavoro temporaneo é un'altra.
    Nel secondo caso i tempi di attesa sono ababstanza brevi, ma solitmente si tratta di una azienda presso la quale già lavori a casa tua e che ha una sede in canada dove ti espatria per una missione di lavoro a termine. In questo caso avrai un permesso temporaneo a scadenza che potrai poi trasformare, ecc.ecc.
    La ditta canadese che ti sponsorizza per poi assumerti deve passare per una trafila che prevede l'analisi da parte dell'ufficio del lavoro per verificare se in suolo canadese non esista una figura professionale simile, la pubblicazione sui giornali e sui siti spoecializzati di una ricerca di personale rivolta al mercato canadese per il posto in oggetto, ecc.ecc. E ovviamente un'azienda canadese tituba un po`prima di mettersi in questo giro per assumere un candidato, a meno che non si tratti di una figura professionale essenziale. Buona ricerca.

    RispondiElimina