giovedì 7 aprile 2011

Nos enfants nous accuseront (dedicato a mia moglie)

10 commenti:

  1. ma io direi malato. "dedicato a mi moglie" ma quella povera donna come potrà dormire sonni quieti ? siamo sicuri che il canada in quanto ad inquinamento, uso di pesticidi, coltivazioni intensive non sia peggio della pianura padana? qualcuno potrebbe fornirmi qualche percentuale?

    RispondiElimina
  2. Per l'amor di Dio, non cominciamo con le percentuali.
    Qui si parla solo di percepito e io sono il padrone del percepito e, in quanto padrone del blog, ho sempre ragione io.

    RispondiElimina
  3. Il 60% o forse il 50% dei divorziati, che abbandonano i figli ridendo non appena compiono 18 anni, vive a Vaughan e paga del basement l'affitto ai figli; per questo motivo si sta provvedendo ad alzare un muro attorno Toronto Downtown per impedire ogni contaminazione da parte degli abitanti di Woodbridge. Il ponte ideale che unisce i valori italiani con quelli degli abitanti puri di Toronto centro verrà costruito con cemento ariano

    RispondiElimina
  4. Il 30% delle donne italiane tra i 20 e i 35 anni vorrebbe fare all'amore con il Presidente Berlusconi, il 70% l'ha già fatto. (sondaggio riferito dallo stesso Presidente in occasione dell'ennesima prestazione vincente dello squadrone milanese, emanazione della potenza eiaculatoria di Sua Maestà)
    Sulle femmine di Vaughan verrà sancito uno jus primae noctis da parte dei residenti Downtown con ruolino immacolato.

    RispondiElimina
  5. Vado a spostare la residenza a Downtown e ad immacolare il ruolino! Sono sempre stato un fan del diritto, del numero uno e della notte

    RispondiElimina
  6. Ho fatto il test della CBC sulle intenzioni di voto. Stranamente e' permesso anche a chi vive a Vaughan e mi si dice che persino a Woodbridge si potra' votare. Sono liberale: penso sia la destinazione finale degli ex-comunisti, diventati ambientalisti ma incattiviti dalle esperienze del passato e dalla incipiente calvizie. E dal compimento del 40mo anno di eta`. Buona domenica a voi tutti

    RispondiElimina
  7. Interessante il video , ma non vi dico dove avevo le mani mentre ascoltavo i commenti .
    E' un fatto che non ci sia da parte del Canada tutta quella attenzione all'ambiente che invece dovrebbe esserci , forse qualcuno pensa che essendo uno stato di enorme superficie prima o poi un poco di aria pura , un rigolo di acqua di sorgente od un frutto sano viene su .
    Poi pero' fanno tanta guerra ai prodotti americani di dubbia provenienza !!!!

    Buon lunedi'

    RispondiElimina
  8. Ciao Davide, hai ragione. Ogni tanto ne parlo anche con amici locali e il Quebec, così come tutto il Canada, sono percepiti dal mondo esterno con una coscienza ambientale decisamente diversa dalla realtà. I fiumi e i laghi, i boschi e le miniere sono stati usati e sono usati senza molto equilibrio. Il Canada conservatore é l'unico Paese che ha diminuito i suoi sforzi dopo Kyoto e ha contribuito al fallimento di Copenhagen. Da quando sono qui ho sentito dibattiti sui gaz de schiste, sabbie bituminose, amianto, nucleare, raccolta differenziata di rifiuti. La mia unica consolazione é che esiste un forte dibattito e che la forza di questo Paese sembra sia la rapidità di messa in marcia. Ho dei dubbi, ma spero di vedermi smentire.

    RispondiElimina
  9. Ho lavorato 6 mesi al Ministero dell'Ambiente dell'Ontario. Ci sono un sacco di iniziative e realmente si sta cercando di fare molto. Il probelma e' che si parte da errori del passato (tipo Walkerton) e si ha la sensazione di molta ingenuita', soprattutto dal punto di vista normativo. L'ambiente non e' ancora la priorita', soprattutto dal punto di vista del budget, anche se e' uno degli argomenti per i quali c'e' piu' sensibilita'. E' vero che la percezione che si all'estero e' di un paese piu' attento, ma in realta' cosi' non e'. Ma, come detto da Fransua', il dibattito esiste.

    RispondiElimina