mercoledì 5 maggio 2010

Il trasloco

Nonostante i consigli della lettera dell'Ambasciata ("non fate nulla di avventato prima di ricevere il visto, la richiesta di visita medica non presuppone nessun rilascio o autorizzazione"), essendo sani e abbastanza normali/ordinari, avendo molta fretta, ci stiamo organizzando per l'esodo.
Ma come affrontare il trasloco ?
Spedizioniere internazionale ? Traslochi internazionali ? E i costi ? Gli imballi ? Lo smontaggio-montaggio? I tempi di ritiro e consegna ?
Posso spedire i mobili e i beni familiari senza avere ancora il visto ?
Ho scritto a Alessandro per avere suggerimenti e aiuto. Se ne avete anche voi, io aspetto. Ciao.

26 commenti:

  1. Ciao Francesco,devo dire che il monito della lettera ricevuta dall'Ambasciata ha lasciato indifferente anche me.... io sto già pensando a quando dare le dimissioni e sto controllando i prezzi dei voli aerei (in questo momento la migliore è British Airways). Io pensavo di partire a settembre e in un tempo successivo arriverà mio marito, un po' come ha fatto Alessandro ma al contrario. Io ho lavorato per 6 anni presso uno spedizioniere della provincia di Treviso e di sicuro prenderò un container (da 20 piedi)con loro; noi abbiamo un po' di mobili, tipo letto, armadi, scaffali, divani e libri. Mi sono già fatta fare un preventivo "amico" e per il momento sono a quota 3.500 € (senza consegna a domicilio). Avevo pensato anche all'ipotesi di affittare un box dove lasciare in deposito il tutto per poter scegliere con calma l'alloggio e capire cosa ci serve veramente. Purtroppo però non saprei rispondere alle tue domande, credo solo di aver capito che non dovremo pagare spese di sdoganamento all'arrivo. A quando la visita medica? Tu hai qualche notizia circa i tempi di emissione del visto dopo la visita medica? Avremo un'estate di passione e lunga attesa?!? Tu e la tua famiglia quando avete programmato di partire? Buona serata, à bientot!

    RispondiElimina
  2. Fransuà, mi spiace, ma non ho ricecvuto alcuna mail da te. Ti rispondo da qui. Lo spedizioniere internazionale ci ha chiesto 10mila euro, door to door. Ti dico ora quanto abbiamo pagato noi.
    Premetto che abbiamo preparato noi gli scatoloni con le "cosine", ma i mobili non li abbiamo imballati, abbiamo preferito farlo fare ai professionisti e alla fine abbiamo rotto solo un piatto. Abbiamo preso e comato fino all'orlo il container più piccolo, 20 piedi.
    Imballaggio e trasloco da casa al container sotto casa: 1000 euro
    Affitto del container, brokeraggio in Italia, trasporto del container da sotto casa alla dogana di Toronto: 2200 euro
    Costi di dogana: niente
    Trasporto del container dalla dogana a Brampton a casa mia a Vaughan: 240 CAD
    Trasloco dal container a casa: 500 CAD
    Cosa vuoi sapere degli imballaggi e dello smontaggio/montaggio?
    I tempi: da Palermo a Toronto, con la compagnia ZIM, partenza 29 gennaio, arrivo a casa mia il 3 marzo. Da quando il container arriva in dogana si hanno 48 ore di tempo per ritirarlo, poi si inizia a pagare sui 100 CAD al giorno alla dogana e il doppio (a partire dal quarto giorno)ai prorpietari del container
    Per spedire e non pagare tasse devi essere permanent resident, anche perchè alla dogana vogliono la lista chee si consegna al momento del landing con i goods to follow
    Tutta questa procedura è stata molto più semplice di tutta la fase preparatoria. Alla dogana sono stati gentilissimi, come in tutti gli uffici, e non ho avuto alcun bisogno di broker o altrew cose così. il container è arrivato perferttamente ed è stato un momento bellissimo.
    Un consiglio è colmare tutto il container, quindi prendere il più piccolo e riempirlo al massimo
    Fammi sapere cosa posso suggerirti.
    in ogni caso, credimi, è più complicato a dorso che a farsi.
    condivido la vostra eccitazione, immagino come vi sentite tutti, le paure e le gioie. Le bimbe vi ringrazieranno per i vostri sacrifici,pensieri, insonnie e lacrime

    RispondiElimina
  3. Cari Simona 2 e Ale (prima le donne, per cavalleria rusticana), grazie delle dritte, cominciamo a ragionare. Sto aspettando due preventivi e anche io propendo per riempire a tappo un 20 piedi e fare io il più possibile. Nei prossimi giorni vedremo come procede la fase preparazione. Noi abbiamo la visita la prossima settimana. Mi hanno detto che i tempi per il visto sono da 4 a 6 settimane, ma, se non ricordo male, Ale ha aspettato quasi 3 mesi. Noi aspireremmo a partire prima di agosto, ma sarà come sarà. Ciao.

    RispondiElimina
  4. Visita l'11 maggio, email di annuncio del visto il 12 agosto. non è mai arrivata una lettera di carta

    RispondiElimina
  5. ok allora ci siamo, faccio la tara sui tuoi tempi. sulle schede per il medico ci sono un po' di errori, tipo hanno segnato il numero di telefono invertendo le cifre, mi hanno qualificato come single, pur avendo moglie, ecc. voi avete trovato degli errori ? li corregge il medico ? qui siamo in pieno clima canadese, altro che primavera italiana, ci vorrebbe la protezione civile, ma è impegnata nel descrivere le attività adatte a un lettino da fisioterapista !

    RispondiElimina
  6. Cortesemente, dopo gli impegni con la fisioterapista si dovrebbe proteggere civilmente la mia ex città; la nuova casuale emergenza rifiuti si può risolvere con qualche altro appalto e/o lettino.Lasciate li lavorare, invece di lamentarvi e guardare la Dandini.
    Intanto in Ontario (l'unica vera locomotiva del Canada) abbiamo dovuto riprendere gli stivali e i giumbotti che c'e freddo.
    Nelle nostre schede non c'erano errori, non so dirti se e come saranno coretti dal medico.Un italiano aggiungerebbe i dati corretti a penna e magari con un timbro ed una firma bonificherebbe tutto. Ma i Canadesi non hanno ancora inventato l'elastico, purtroppo.
    Come si sentono le tue figlie?

    RispondiElimina
  7. Le figlie, loro hanno 3 e 6 ammi, felici, curiose, appassionate, ingenue, senza limiti o preoccupazioni (anche se non è del tutto vero). è il resto della famiglia che preoccupa ... me compreso.

    RispondiElimina
  8. sarete felici e sereni, come lo siamo noi, nonostante le difficolta'. in piu' tu non dovrai subire i vari job search workshop! viva gli emigranti per principio

    RispondiElimina
  9. grazie alessandro, adesso prepariamoci per un battesimo (con annessa riunione famigliare e inizio saluti), la visita di lunedì e l'inizio della pratica trasloco. nel frattempo se hai bisogno, mio cugino che fa il medico è disponibile per diventare direttore dei lavori della ristrutturazione del politeama, mentre mia moglie ha lavorato dal 1974 per anemone, ma 2 settimane fa si è licenziata... Draquila mon amour

    RispondiElimina
  10. Viva i coraggiosi che se ne vanno da questo paese che galoppa verso la malora!! @Alessandro, il tuo sostegno morale è una medicina. Non c'è alcun dubbio che siamo tutti un po' preoccupati, perciò grazie per il conforto e la positività profusi! @Francesco,anche nelle nostre schede ci sono alcuni errori, o meglio dati vecchi, ad esempio il numero di telefono fisso che ora non abbiamo più. Sarà il caso di portarci una marca da bollo (l'ennesima..), da apporre sul certificato per farlo poi apostillare? Scherzo,sono sicura che la soluzione sarà più semplice... Io invece ho notato che nella lettera accompagnatoria hanno depennato i 60 giorni che venivano indicati per sottoporsi alla visita medica e scritto a mano 30, questo però solo nella versione inglese, quella francese riportava 60. Ho scritto una mail all'Amabasciata informandoli che mi era impossibile rispettare quei 30 giorni, perchè la loro lettera è stata spedita il 31 marzo al mio consulente a Ottawa, lui l'ha ricevuta dopo tre settimane e successivamente me l'ha rispedita in Italia e mi è arrivata alla fine di aprile. Insomma ho spiegato tutto nella mail e la risposta dell'Ufficio Visti è stata un semplice "Thank you". Io credo non abbiano capito la situazione, ma forse sono io scettica perchè troppo abituata alla burocrazia italiana. Vedremo... nel frattempo io e mio marito stiamo mangiando solo cibo sanissimo per arrivare in buona salute il giorno della visita! A presto!

    RispondiElimina
  11. Picciotti (Simona 2, Fransuà e famiglie) rilassatevi chè la visita è vermaente una formalità. come ci ha spiegato la dottoressa (e lostesso a Simona 1) è più che altro rivolta agli abitanti dei paesi nei quali le vaccinazioni non sono obbligatorie e a chi ha contratto gravi malattie infettive. Se avete tatuaggi dovete pagare qualcosa in più, credo 10 euro, per un'ulteriore esame che deve essere fatto. Con la vostra presenza in Canada (anche se nello sfrtunato Quebec) ci sarà un lieve cambiamento nella considerazione media che gli emigranti italiani hanno dell'Italia. La domanda più ricorrente che ci viene fatta è infatti "Ma perchè avete lasciato la bella Italia per venire qua?". Ieri, per la prima volta, un signore emigrato a 19 anni nel 1960 capiva perfettamente le ragioni della nostra fuga. ma per il resto ho smesso di spiegare. Troppa rabbia. Viva gli indignati, viva l'anemone e i pesci pagliaccio. Anche noi abbiamo "tolto il disturbo" con un battesimo, anzi due; ma non useremo le scuole cattoliche. Ce la fate a venire in tempo per farvi invitare ad un barbecue?

    RispondiElimina
  12. Che bello, grazie Alessandro! E' il primo invito che riceviamo dal Canada!! Mi raccomando, per me solo verdurine.....
    Francesco: tu hai già versato la seconda tranche di 490$? Poi ci racconti della visita medica?
    Certo che quest'attesa è snervante... mi passano in mente tutte le cose che vorrei già fare in Canada e ho l'ansia per le cose che devo ancora chiudere qui in Italia.
    Ve l'ho detto che mio marito è olandese? perciò tra qualche anno dovrò essere fedele a ben due regine?? Nel frattempo il principino italiano sarà diventato la nuova star della musica leggera italiana.. o lo è già????? Bye

    RispondiElimina
  13. Ciao Alessandro,
    perché di ...anche nello sfortunato Québec...? Toglimi una curiosità, io sto aspettando il visto per partire e vorrei andare proprio in Québec. Non farmi cambiare idea!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. Ragazzi, tutto bene, sono un po' incasinato (si dice ???, certo che si dice), ma in un paio di giorni mi rimetto in riga. Che bello vedere che il blog si alimenta grazie alle vostre parole !

    RispondiElimina
  15. Hey Francesco! Ma quando scenderei giu’ al sud da noi meridionali dell’Ontario mica ci potresti portare qualcuno dei famosi Bagel di Montreal?!? :)

    RispondiElimina
  16. Anonimo ti rispondo con piacere. E' scientificamente provata un'assonanza, quanto meno politica, tra i Quebecchi e i sedicenti Padani; conseguentemente la mia opinione di loro non può che essere legata alla commiserazione. Ovviamente generalizzo, come è giusto che si faccia, da buon figlio dei nostri tempi.
    A parte gli scherzi, non fidarti di ciò che scrivo; non conosco il Quebec, e nemmeno l'Ontario, dove sono emigrato da pochi mesi.Fransuà, al contrario, è documentatissimo e ha pure il lavoro. Oltre che ideatore di questo sito.

    RispondiElimina
  17. Ciao Simona, i bagels sono effettivamente buonissimi. Fairmount Bagels, sul Plateau è aperto 7 su 7 e 24 ore, è un forno che produce davanti ai tuoi occhi bagels al papavero, al sesamo, ai cereali, all'uvetta, normali, alla cipolla, farcitissimi. Una meraviglia, se poi gli abbini del salmone e dei gamberetti freschi del banco della Gaspè a Jean Talon, con 10 dollari ti fai un pasto da re.
    E con questo suggerimento rispondo anche a Anonimo ! Io non conosco il Quebec, conosco un po' Montreal e direi che non è sfortunata... A presto Ale, un abbraccio alla famiglia.
    PS Adesso sono tornato in Italia, per vedere Draquila e Scaiola !

    RispondiElimina
  18. Prima di tutto i saluti al padrone di casa , e quindi ciao Francesco ; sbrigate le formalità un saluto a tutti i partecipanti .
    Questa settimana anche noi abbiamo evaso la pratica "visita medica" e come dice Alessandro è una formalità , niente di più e niente di meno . Il dottore ha precisato che tutte le visite che aveva fatto erano di famiglie con destinazione la regione del Québec , questo solo per un dato statistico.
    A questo punto non rimane che attendere il visto ed anche noi partiremo alla volta del Canada e nella fattispecie la destinazione sarà Québec Ville , bellissima cittadina ( capoluogo della provincia ) . Per rispondere ad @Anonimo posso solo darti un parere personale , noi siamo stati a Qc ed a Mtl negli ultimi due anni ed entrambe le città sono affascinanti e suggestive , ma fondamentalmente , mentre Mtl è realmente una Metropoli , Qc è una città più a misura d'uomo e soprattutto di famiglia . Molto turistica con la parte della "vecchia città" , il porto turistico e parchi ovunque. Noi ci siamo subito innamorati di Qc , ma non tutti la vedono allo stesso modo. Non posso dire nulla dell'Ontario in quanto non sono mai stato da quelle parti , ma sono due cose differenti , l'Ontario più simile e vicino agli States , il Québec più europeo e ricco della raffinatezza francese . L'ago della bilanca in caso di scelta potrebbe essere la lingua , ovvero a Qc ed in poche altre città si tenta di rimanere francofoni ma l'iglese è ampliamente utilizzato e parlato ; mentre in quasi tutto il Canada la lingua Inglese la fa da padrone .
    Adesso anche noi siamo nel vortice del trasloco .
    Un saluto , Davide.

    RispondiElimina
  19. Tanto Montreal è stata distrutta dagli hooligans dell'hockey. Io ordinerò quanto prima copie di Draquila, da aggiungere a "La mafia è bianca", "Viva Zapatero" e altri film stile Franco Rosi per sessioni obbligatorie ai miei figli se un giorno dovessero rinfacciarmi di essere venuti in una città senza mare.
    Consiglio agli emigrand: state lontani dai negozi di Rocky MOuntain (www.rockychoc.com); ormai spero di lavorare solo per potermi permettere di andarci 3/4 volte al giorno

    RispondiElimina
  20. Hooligans... si tratta di casseurs (definizione de La Presse) che hanno prima sfondato una vetrina della SAQ (la tabaccheria degli alcoolici) perchè era tardi e i bar erano chiusi e poi una di Sport Expert, perchè volevano comprare delle magliette degli HUBS e il negozio aveva appena chiuso. Certo che se i commercianti non capiscono quando il mercato è pronto, è normale che il consumatore cambi comportamento !

    RispondiElimina
  21. come dire, compagni che hanno sbagliato

    RispondiElimina
  22. 0-6 ... altro che batosta.
    in più l'Inter ha vinto il campionato.
    non che io abbia una febbre per il calcio, il tifo o i sacri argomenti di chiacchera italiani(non ho neppure la televisione), ma così non possiamo continuare.
    per fortuna che da noi non c'è la crisi, è un'invenzione dei comunisti e dei giornali, dobbiamo spendere e mantenere alto il tenore di vita. in più riprende vigore il nuovo disegno di legge contro la corruzione che il premier sta promuovendo con forza. pare che letta stia cercando di spiegargli che non è una legge proprio nuova e che la corruzione era già un reato.

    RispondiElimina
  23. Venerdì pomeriggio avremo la visita di sopralluogo dello spedizioniere per il trasloco. Per ora siamo a 3300 euro+2250 cad per smontaggio, imballaggio, trasporto terra e mare, sdoganamento, riconsegna e rimontaggio di 15 mq di materiale. Vediamo cosa ci porterà il sopralluogo e se, con la nostra opera per l'imballaggio degli effetti personali, il preventivo si "aggiusterà" a una cifra più contenuta. Nel frattempo ho inserito due video nel blog, uno in omaggio alla magnifica terra e agli uomini di valore che ci ha ragalato la Sicilia. Un altro per offrire un contributo a chi parla di nuova Tangentopoli, senza ricordarsi di una tradizione italiana che si tramanda da decenni.

    RispondiElimina
  24. Visita con sopralluogo effettuata. La ditta a cui ci siamo rivolti per il passo finale è Speedy Moving di Roma. Il Signore che ci ha visitato è stato molto gentile ed efficiente. Ci ha dato numerosi suggerimenti su imballaggi, trasporti, pratiche doganali e ha quantificato in 1 giorno di lavoro e almeno 40 di attesa il tempo per ritrovare le nostre masserizie in Canada. Adesso aspettiamo il preventivo finale per poi avviare la transumanza. Perchè Speedy Moving di Roma (www.speedymoving.it) ha fatto un preventivo completo, dettagliato e inferiore del 30% rispetto agli altri traslocatori interpellati ?

    RispondiElimina
  25. Ciao, ti consiglio di individuare una ditta che abbia già esperienza di traslochi internazionali anche perchè bisogna espletare delle pratiche burocratiche in questo caso. Noi abbiamo scelto Roberto Pennacchia Traslochi e ci siamo trovati bene, hanno pensato a tutto loro e consegnato il trasloco nei tempi previsti.

    RispondiElimina
  26. Ciao, articolo interessante, ho visto che choku ha postato un link sulla ditta pennacchia e cercando su internet ho visto ottime recensioni, ho visto che effettuano traslochi internazionali e il canada è sempre stato un mio pallino, ma a dire la verita preferirei pensare prima all'europa, ho trovato questi link su trasloco a Londra Inghilterra e traslocare a Parigi quindi al momento mi orienterei su questo tipo di mete europee prima di avventurarmi in un altro continente.

    RispondiElimina